THRILLER – Sangue Colpevole, recensione di Libri&Recensioni.com

Anna Maria Fazio ci propone la sua opera, Sangue Colpevole, fondendo insieme alle parole la sua arte come pittrice.
Ecco quindi un romanzo, un thriller, fatto di frasi che si dipingono nella mente e di quadri che narrano una storia intensa, tormentata, che parla, o ancor meglio grida, di crimini terribili e di una vendetta implacabile.
Una scrittura fluida accoglie il lettore dalle prime pagine, che scorrono una dopo l’altra spalancando le porte di una trama ben congegnata, hard in molte sue parti, con descrizioni esplicite di scene erotiche, che riescono a non risultare volgari. Parole crude, forti, che si mantengono sempre sul piano della correttezza, trasmettendo sensazioni e situazioni coerenti con l’evolversi di una storia a tinte accese atte a suscitare nel lettore determinate sensazioni e specifici sentimenti.
Una protagonista misteriosa, che ha trasformato la sua fragilità di ragazza abusata in una corazza forte, dominatrice e manipolatrice. Le esperienze vissute, tragiche e crudeli, avrebbero potuto spezzarla, ma ne è uscita una donna temprata e affilata come una spada nobile e solida, un’arma che non dispensa giustizia ma vendetta, perché certe offese si possono lavare solo col sangue dei colpevoli.
Sangue Colpevole avvolge in una spirale oscura che fa nascere comprensione per le azioni della protagonista: da vittima di uomini privi di moralità, a cacciatrice ammaliante, sensuale, capace di dispensare premi e castighi per raggiungere i suoi intenti.
Mentre un epilogo annoda i fili lasciati sciolti e racconta i retroscena esaurendo la curiosità di chi si accosta al romanzo, un sospeso lascia presagire un seguito dandoci appuntamento ad un possibile prosieguo.
Un thriller per adulti capace di avvincere e coinvolgere, profondo e interessante.

(Tatiana Vanini)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *